Mobile4Innovation

Direttore: Mauro Bellini Responsabile scientifico: Filippo Renga

Mobile Banking

Nielsen: metà dei consumatori nel mondo consulta il conto bancario (e il 42% paga bollette) via smartphone

Una persona su 10 ha depositato un assegno usando la fotocamera del telefono negli ultimi sei mesi, e i tassi più alti di fruizione delle banche “mobile only” sono nei paesi in via di sviluppo: India, Indonesia, Messico e Turchia. I responsi dell’indagine “Nielsen Mobile Shopping, Banking and Payment Survey” su oltre 30mila utenti di 63 paesi

28 Ottobre 2016

L’utilizzo dei mobile device si sta estendendo a sempre più attività e con sempre più opzioni nel rapporto tra il consumatore e le banche, ma in questo rapporto c’è sempre più metodo, nel senso che il consumatore sta imparando a usare il suo smartphone anche per monitorare le sue spese e gestire le sue finanze.

Alcune attività di Mobile Banking, infatti, come l’accesso alle informazioni sul proprio conto corrente e il pagamento delle bollette, stanno diventando comuni in tutto il mondo. Quasi la metà (47%) dei consumatori in tutto il mondo ha controllato il saldo del conto corrente o una transazione negli ultimi sei mesi, e il 42% ha pagato una bolletta, sul proprio smartphone. E questi numeri stanno salendo continuamente: il 53% probabilmente controllerà il conto o una transazione sul mobile nei prossimi sei mesi, e il 46% pagherà almeno una bolletta.

Sono alcuni dei responsi più significativi della recente “Nielsen Mobile Shopping, Banking and Payment Survey”, condotta su oltre 30mila utenti di mobile internet di 63 paesi in tutto il mondo.

Trasferire o depositare denaro sono attività meno diffuse, ma comunque nel mondo oltre un consumatore su tre (36%) ha movimentato denaro tra i propri conti bancari negli ultimi sei mesi, e il 42% pensa di farlo nei prossimi sei. Una percentuale molto più bassa (10%) ha depositato un assegno usando la fotocamera del proprio smartphone, ma quasi il doppio (18%) sfrutterà questa funzione, una delle più recenti introdotte dalle banche nelle loro app, nei prossimi 6 mesi.

Da questa indagine Nielsen emerge che i paesi che vantano i più alti tassi di utilizzo del Mobile Banking sono molto diversi: ci sono nazioni in pieno sviluppo, come Cina, Sud Africa, Venezuela e India, e nazioni estremamente mature come la Svezia.

«Gli alti valori in alcuni paesi in via di sviluppo sono dovuti agli utenti che abitano in zone rurali e lontane dalle città, che accedono da mobile senza doversi fisicamente recare a una filiale bancaria, e a quelli che mandano denaro in modo istantaneo a chi dipende economicamente da loro», spiega Stuart Tagg, Financial Services Leader, Nielsen Europe. «In Cina invece l’uso delle carte di credito non è mai decollato, e molti addirittura non sono mai entrati in una banca, per cui le istituzioni finanziarie stanno spingendo molto sui servizi di “mobile money”. La Svezia infine è un caso a parte di mercato maturo molto più avanti degli altri nel mobile banking e nelle transazioni su smartphone, grazie anche ad altissimi tassi di diffusione degli smartphone e alla collaborazione tra banche e Stato nella definizione di BankID, un sistema di sicurezza digitale utilizzato sia per i servizi finanziari che per l’interazione tra pubblica amministrazione e cittadini».

Ecco in pillole altre conclusioni interessanti dell’indagine.

- Il 74% degli intervistati apprezza la libertà di potersi connettere in qualunque posto si trovi, e il 70% pensa che lo smartphone abbia migliorato la sua vita.

- Tra i Millennial (cioè ventenni e trentenni) la predisposizione a utilizzare una banca solo mobile è più che doppia rispetto ai Baby Boomer (dai 50 ai 70 anni d’età), e alla Silent Generation (ultrasettantenni).

- La percentuale di intervistati che usano solo Mobile Banking è più alta in paesi grandi in via di sviluppo: India (46%), Indonesia (37%), Messico (34%) e Turchia (34%).

- I timori per la sicurezza dei propri dati e transazioni sono la prima barriera all’uso del Mobile Banking (53% degli intervistati), seguita dalla preferenza per la filiale fisica (31%) e dalla percezione di inutilità del servizio (28%).

- Riconoscimento facciale (41%) e scansione digitale e deposito degli assegni (39%) sono le nuove funzioni più desiderate dagli utenti di Mobile Banking.

- Oltre un terzo degli intervistati trasferirà denaro a un’altra persona (36%) o riceverà denaro (34%) da un’altra persona attraverso il proprio smartphone nei prossimi sei mesi.

Articoli Correlati

Paolo Costa, socio fondatore e direttore marketing di Spindox, e Andrea Rangone, CEO di Digital360

La banca è davvero mobile: 6 passaggi e un selfie per aprire un conto corrente

In questa videointervista Paolo Costa di Spindox spiega lo sviluppo dell’app – commissionata da un primario istituto italiano – che ha vinto il premio Digital360 Awards nella categoria Mobile Business: «Il processo è stato ripensato completamente su smartphone, senza costringere l’utente a passare in filiale»

Unicredit e la terza fase del digital banking: «I clienti operano e dialogano con noi via smartphone»

L'istituto sta ridisegnando il sito web («l'home banking diventerà il canale di comunicazione ufficiale») e la Mobile App, che già ora permette aperture di conto con riconoscimento via selfie ed erogazioni di prestiti in tempo reale. «La parola d'ordine è semplificazione, un esempio è l'app Monhey, un "telecomando" per la carta di credito», spiega Remo Taricani, responsabile Retail Italia

Banche, per la prima volta lo smartphone supera la filiale

È successo negli USA, dove la società di consulenza Javelin rileva che nel 2015 il numero degli utenti che utilizzano servizi bancari su Mobile ha appunto sopravanzato quello degli utenti di servizi tradizionali: «Entro il 2020 l’81% degli adulti utilizzerà servizi via Mobile»

Digital Banking: lo smartphone è l'unico canale per i clienti più giovani

Le operazioni consultive e dispositive soprattutto tra i "Millennials" sono svolte sempre più spesso con apparati mobile: i clienti tra 18 e 34 anni abbandonano filiali e bancomat per appoggiarsi completamente all'online, spiega un'indagine BI Intelligence