Mobile4Innovation

Direttore: Mauro Bellini Responsabile scientifico: Filippo Renga

Mobile CRM

Sellf, l'App che fa da "personal trainer" delle forze vendita aziendali

Nata nel 2013, è stata premiata l'anno scorso da Apple come app più innovativa per iPad. Ha raggiunto 100mila utenti, e ora sbarca sul mercato enterprise. È pensata per guidare agenti e professionisti verso obiettivi prefissati. «Vogliamo essere la RunKeeper dei venditori», spiega il CEO e cofondatore Diego Pizzocaro

13 Dicembre 2016

Trasferire la logica di "personal training" delle app di fitness tracking – tipico esempio RunKeeper – che aiutano gli atleti a mantenersi in forma e a raggiungere gli obiettivi di allenamento fissati, alle reti di agenti commerciali di medie e grandi imprese. Si può riassumere così  l'approccio al CRM di Sellf, una Web e Mobile App (disponibile per iOS, Android e Windows Phone) italiana, nata nel 2013 e cresciuta a livello internazionale fino a raggiungere i 100 mila utenti, conquistando nel frattempo diversi riconoscimenti, per esempio da Apple (titoli di migliore nuova applicazione Business a livello mondiale, e applicazione più innovativa in Italia del 2015), da Confcommercio (best app for service innovation) e da Digital Magics, Oracle e Fastweb (co-vincitrice del  contest Over the Cloud).

Riconoscimenti a cui si affiancano numerosi investimenti, tra cui i più importanti sono quelli di H-Farm, Club Italia Investimenti 2, Banca Intesa (attraverso il fondo Atlante Ventures), e P101, per un totale di un milione di euro.

In poche parole, Sellf indirizza gli sforzi del team e del singolo verso il risultato aggregando le informazioni di contatto e correlando le iniziative rivolte a prospect e clienti con i ritorni (fatturato, margine), condividendo in tempo reale col management gli aggiornamenti e mettendo in condivisione i dati attraverso la sincronizzazione di calendari, GPS, contatti e servizi come Google Apps. Il tutto con una user experience intuitiva e sfruttando meccanismi di gamification.

L'ingresso nella squadra di Sellf – composta attualmente da 15 risorse e con sede a Roncade (TV), presso H-Farm – di Mauro Catalano (già Sales Director in H3G, Lenovo, Groupalia e Ingram Micro) segna l'entrata nel mercato enterprise. Per l'occasione nell'app sono state integrate nuove funzionalità. Storage permette di  allegare documenti direttamente da Sellf e condividerli con tutta la rete commerciale, mentre l'accesso alle API dell'app consente l’integrazione con qualsiasi gestionale o altro sistema/database aziendale. La funzione Team Gerarchico genera una gerarchia avanzata per team commerciali di tutte le dimensioni. Con la Condivisione invece si possono assegnare obiettivi di vendita in modo preciso e flessibile, permettendo alla rete commerciale di coordinarsi su campagne specifiche. Tra l'altro Sellf è integrata con Slack, e gli utenti possono condividere documenti e risultati di business anche all'interno della chat professionale. I Customer Success Services infine riguardano supporto telefonico e onsite per la configurazione, migrazione dei dati e formazione per l'uso della piattaforma.

«La piattaforma si articola su tre direttrici: contatti, azienda e trattative potenziali. Su ciascuna l'utente può aprire un task inserendo una singola informazione e raffinare l'obiettivo man mano che l'applicazione riceve dati e aggiornamenti. Per il rollout di una rete di collaboration "tradizionale" occorrono almeno tre mesi, mentre Sellf può attivare un network di 20 persone in sole 4 ore», spiega Catalano. Tra i clienti di Sellf (che genera il 55% del fatturato all'estero) si possono citare Unicar (distribuzione di carrelli elevatori), e Waldner (tecnologie medicali con vendita diretta a ospedali e centri sanitari). Altri settori su cui sono già in corso trial o lead generation sono Utility e Food & Beverage.

L'obiettivo non è di proporsi come alternativa ai sistemi CRM più diffusi, né come strumento di Business Intelligence, anche se le versioni più avanzate di Sellf offrono funzionalità statistiche per creare report e insight sull'andamento dell'attività. «Il nostro piano è integrarci, a cavallo di CRM e Sales, con chi sa fare questo lavoro meglio di noi, che puntiamo invece a essere il "RunKeeper" dei commerciali», dice Diego Pizzocaro, CEO e cofondatore di Sellf. «Ciò nonostante, l'applicazione è in grado di restituire KPI fondamentali per generare forecast correlando la proattività degli agenti con i risultati di vendita».

Articoli Correlati

Le "WhatsApp" per il business tra gli hot trend del 2017: «Una chat fa il lavoro di 100 finestre di browser»

Il successo di specialisti come HipChat e Slack ha spinto anche colossi della Silicon Valley come Facebook e Microsoft a sviluppare soluzioni chat di gruppo, mentre decollano anche le chatbot per il customer service, e la tendenza a coordinare le operations interne tramite le ChatOps

Matteo Quagini, CIO e Controller di Revello

Revello: una “Mobile Company” a supporto di Field Force e Sales Force

Tra i driver del percorso dell'azienda verso una nuova organizzazione e modalità di relazione con i clienti c'è lo sviluppo di soluzioni Mobile per automatizzare le attività dei venditori e dei manutentori, per la predictive analysis e per il data mining, cui stanno seguendo altri servizi sempre in ottica Mobile

Mobile App, 9 aziende italiane su 10 le vogliono a supporto dei processi

Cresce l'adozione di soluzioni su Tablet e Smartphone per alzare la produttività e facilitare il lavoro interno. Il 51% ne ha già adottata una, il 40% intende farlo, solo il 9% non è interessato. Le più diffuse sono quelle operative, per le vendite e il lavoro “sul campo”. Bassa l’integrazione delle App tra loro, alta quella con i Sistemi Informativi. Un’analisi dell’Osservatorio Mobile Enterprise del Politecnico di Milano

Un negozio Bata a Lahore (Pakistan)

Business Intelligence su Tablet per la forza vendita: la ricetta di Bata

La filiale italiana della multinazionale delle calzature ha messo a disposizione dei suoi Area Manager una Mobile App su iPad con gli stessi indicatori e documenti di cui fruirebbero se fossero in sede, con possibilità anche di compilare i rapporti di visita ai negozi. «Estenderemo anche ad Android e a tutte le sedi Bata in Europa»