Mobile4Innovation

Direttore: Mauro Bellini Responsabile scientifico: Filippo Renga

EVENTI

Comunicazione e marketing, l'86% delle imprese italiane ha una strategia Mobile

Ma solo il 36% ha sviluppato una App. Intanto sempre più italiani accedono a Internet solo da smartphone, ma il tempo è concentrato su pochissime App. E per gli acquisti veri e propri si preferisce ancora il PC Desktop. Se n'è parlato al recente Upgrade Mobile Summit a Milano

29 Novembre 2016

Ogni giorno in media passiamo di fronte agli schermi dei nostri smartphone ben 4,7 ore. Un dato che fa capire benissimo perché il mondo Mobile abbia assunto un’importanza strategica in ambiti come pubblicità, marketing ed editoria, dove ormai si ragiona in ottica "Mobile First".

Anche perché praticamente tutti gli italiani oltre i 13 anni d'età (circa 44 milioni) possiedono un telefono cellulare. È importante l'espressione "telefono cellulare", perché in effetti oltre il 30% di queste persone (13,5 milioni) non hanno uno smartphone, bensì appunto un classico telefonino senza connessione Internet. Sono dati recentissimi (Comscore, terzo trimestre 2016), raccontati da Fabrizio Angelini, CEO di SenseMakers, nel corso dell’Upgrade Mobile Summit, evento dedicato all’impatto del Mobile in particolare sul settore media e advertising italiano.

Ci sono poi altri dati, ha detto Angelini, che spiegano la forza del fenomeno Mobile: in Italia ci sono sempre meno persone che accedono a Internet solo con PC desktop, e crescono a doppia cifra quelli “multipiattaforma” e gli internauti esclusivamente “mobili”.

Ovviamente la fruizione di Internet cambia sensibilmente se si è davanti allo schermo di uno smartphone oppure di fronte a quello di un PC, innanzitutto dal punto di vista della durata media. L’esperienza dallo schermo di un cellulare è decisamente più rapida rispetto a quella di un desktop, vale a dire 2-3 volte inferiore. Tutto questo ovviamente interessa da vicino gli uomini del marketing e della pubblicità, poiché una durata inferiore di fruizione significa inevitabilmente meno tempo da dedicare ai messaggi dell’advertising.

Dunque il desktop, anche in questa fase di grande progresso del mobile, non può essere assolutamente messo da parte. Inoltre occorre considerare che il mobile è un mondo caratterizzato da dinamiche particolari: il 90% del traffico internet da Mobile avviene via App, ma - nonostante ne siano disponibili migliaia sugli appositi store - il tempo viene trascorso in gran parte sulle App social e di messaging di due grandi player: Facebook e Google.

Questo spiega perché, nonostante la grande quantità di tempo speso sullo smartphone, gli italiani acquistano ancora relativamente poco su di esso. Meno del 5% della spesa consumer. Questo però non significa che l’eCommerce da mobile non abbia un futuro, anzi: l’attività a più ampio tasso di crescita è proprio la finalizzazione dell’acquisto. Uno dei campioni italiani del commercio elettronico, Yoox, stima che entro il 2020 tre quarti del fatturato proverranno da piattaforma mobile.

L'acquisto però è "solo" l'ultimo passo di un percorso che avviene ormai sempre più spesso interamente sullo smartphone. La consapevolezza di questo si sta diffondendo. Secondo una ricerca di LensAcademy su 409 professionisti in rappresentanza di 321 aziende italiane di diversi settori e dimensioni, il mobile è incluso nelle strategie comunicazione e marketing integrate dell’86% delle imprese. Ma solo il 36% di queste aziende ha sviluppato una App, e di queste solo un terzo permette di comprare beni e servizi.

Insomma: al momento il mobile è utilizzato dalle imprese italiane più per comunicare che per vendere. Ma siamo appena agli inizi di una tendenza epocale, e tutto lascia pensare che presto comunicazione e vendita saranno due fasi di un processo sempre più "omnichannel" in sempre più imprese italiane.

Articoli Correlati

Mobile e Proximity, non solo marketing: tutte le fasi del customer journey sullo smartphone in negozio

Cresce l'uso delle soluzioni di prossimità, in particolare i beacon, all'interno del punto vendita. «Ormai ogni fase del processo d'acquisto, dalle promozioni al customer care, può essere supportato da queste tecnologie», spiega Marta Valsecchi, Direttore Osservatorio Mobile B2C Strategy del Politecnico di Milano

Mobile marketing: 4 regole per sfruttare i "micro momenti" di interazione con il consumatore

Grazie all'uso di app - ma anche di QR Code, tag NFC o beacon - smartphone e tablet consentono di testare formule di ingaggio inedite. Occorre però progettare il customer journey sulla base non solo di una combinazione di tecnologie, ma anche di un insieme strutturato di azioni e servizi associati al percorso fisico e digitale del cliente

Il Mobile trasforma il rapporto con il consumatore: le 3 facce della Customer Experience e le 5 della Loyalty

Vivere connessi grazie al digitale e alle App consente alle persone di informarsi in tempo reale a prescindere da dove si trovano. La sfida per le aziende è quindi di sfruttare la tecnologia mobile per presidiare in modo innovativo tutti i punti di contatto con i clienti target: il concetto di fidelizzazione viene totalmente rivoluzionato

App, la regola per il successo: almeno tre utilizzi nei primi tre giorni

Convincendo gli utenti a sperimentare il software più volte appena dopo il download, si abbatte il tasso d'abbandono fino al 29%. Gli strumenti per riuscirci? Messaggi in-app e campagne ad alto tasso di personalizzazione sui social network. «Il 75% di chi avvia la app una sola volta nel primo mese diventa inattivo», spiega una ricerca di Localytics