Mobile4Innovation

Direttore: Mauro Bellini Responsabile scientifico: Filippo Renga

Videointerviste

Polimi: «La Mobility nelle PMI italiane, un quadro con luci e ombre»

Marta Valsecchi, Direttore Osservatorio Mobile Enterprise del Politecnico di Milano, commenta un’indagine realizzata con Doxa su 351 realtà tra 10 e 250 dipendenti. «Le piccole e medie imprese hanno una percezione ancora bassa della strategicità del Mobile per il business». Solo una su 4 ha sviluppato un’App a supporto del personale in mobilità. «Ma non mancano casi di progetti con costi contenuti e grandi benefici concreti»

11 Gennaio 2016

Per approfondire lo stato d'adozione delle soluzioni di Mobility (Device, App e relative piattaforme software di gestione) nelle piccole e medie imprese (PMI) italiane, l’Osservatorio Mobile Enterprise del Politecnico di Milano ha realizzato un’indagine insieme a Doxa su un campione statisticamente significativo di 351 realtà tra 10 e 250 dipendenti.

Ne emerge - come spiega Marta Valsecchi, direttore dell’Osservatorio, in questa videointervista - che solo per il 28% delle PMI i progetti di Enterprise Mobility avranno priorità alta (6%) o medio-alta (22%). Questo per due cause: i budget ICT molto limitati, spesso in grado di coprire solo i costi di manutenzione; e l’assenza in quasi due PMI su 3 di una Direzione IT interna, in grado di cogliere le opportunità della Mobility per il proprio Business.

Dalla ricerca emerge una ragionevole diffusione dei Mobile Device, in particolare notebook (61%), smartphone (46%) e tablet (41%), affidati principalmente a personale di vendita, executive e manager. È interessante però che oltre la metà delle PMI (58%) permette ai dipendenti l’utilizzo dei propri dispositivi personali per scopi lavorativi.

Quanto invece alle Mobile App, solo il 25% ne ha introdotte a supporto dei propri processi di business; il 2% lo farà a breve termine e il 13% a medio/lungo termine. Ma ben il 60% non dimostra alcun interesse verso queste soluzioni.

La Ricerca ha analizzato anche la diffusione delle Mobility Management Platform tra le PMi italiane che hanno già introdotto Mobile App o lo faranno a breve. Di queste, quasi una su 2 ha adottato una di queste piattaforme con funzionalità di deployment, aggiornamento e controllo delle App. «Fortunatamente, in questo scenario, non mancano casi concreti di piccole imprese che hanno realizzato progetti Mobile ampi, efficaci, poco costosi e che hanno consentito di generare grande valore, anche innovando il modello di business», sottolinea Valsecchi.

 

Articoli Correlati

Matteo Quagini, CIO e Controller di Revello

Revello: una “Mobile Company” a supporto di Field Force e Sales Force

Tra i driver del percorso dell'azienda verso una nuova organizzazione e modalità di relazione con i clienti c'è lo sviluppo di soluzioni Mobile per automatizzare le attività dei venditori e dei manutentori, per la predictive analysis e per il data mining, cui stanno seguendo altri servizi sempre in ottica Mobile

Mobility nelle imprese italiane: 2,2 miliardi investiti e 10 miliardi recuperati in produttività

Luci e ombre nei responsi del nuovo Osservatorio Mobile Enterprise del Politecnico di Milano: continuano a salire la spesa in Device, App e sistemi di Enterprise Mobility Management, e i guadagni di efficienza e valore aggiunto dei mobile worker. Ma nelle piccole e medie imprese queste iniziative vanno a rilento per i budget limitati e la frequente assenza di una Direzione ICT

Mobile Management in azienda: farmaceutico e assicurativo i settori più avanzati

Tutti i dati di un'indagine esclusiva di Digital4 con MobileIron, che evidenzia la forte diffusione di notebook, smartphone e tablet nelle imprese italiane, ma con approcci molti diversi di scelta e di governance. Trasporti, logistica e retail, pur in recupero, mostrano tassi di penetrazione dei device, e livelli di attenzione alla gestione inferiori

Mobile App per il business: tutti le vogliono, ma chi ha fretta rischia di bruciarsi

Cresce la propensione del mondo enterprise allo sviluppo di applicazioni mobile, ma il risultato spesso non soddisfa committenti e utenti finali. Il problema spesso è l'approccio, che non tiene conto delle specificità dell'uso in mobilità. Parlano Francesco Tragni di CA Technologies e Marco Cirilli di Applix