Mobile4Innovation

Direttore: Mauro Bellini Responsabile scientifico: Filippo Renga

Video interviste

Revello: una “Mobile Company” a supporto di Field Force e Sales Force

Tra i driver del percorso dell'azienda verso una nuova organizzazione e modalità di relazione con i clienti c'è lo sviluppo di soluzioni Mobile per automatizzare le attività dei venditori e dei manutentori, per la predictive analysis e per il data mining, cui stanno seguendo altri servizi sempre in ottica Mobile

30 Novembre 2015

Matteo Quagini, CIO e Controller di RevelloMatteo Quagini, CIO e Controller di RevelloRevello è una classica media impresa del Nord Est, specializzata nella fornitura di prodotti e servizi per l'odontoiatra, l’odontotecnico e tutti i professionisti del settore dentale. Nata nel 1945, ha sede a Verona e ha 300 collaboratori di cui 200 di forza vendita, 15 fililali, 60 milioni di euro fatturati nel 2014.

Dal 2012 l'azienda ha iniziato un percorso per diventare "mobile company", cioè supportare sempre più processi con App, smartphone e tablet. La Field Force (20-30 tecnici) è stata dotata di smartphone di grandi dimensioni, adatti per il lavoro sul campo, mentre alla Sales Force (circa 200 persone) sono stati assegnati tablet, ritenuti più adatti a inserire ordini e presentare prodotti. Revello ha anche adottato un sistema di Mobile Device Management per gestire sia i diversi device sia il deployment delle App.

Il percorso è proseguito poi con l'adozione della Mobile Sales Force Automation per order entry e CRM, integrata con progetti di marketing e con il sistema gestionale. L'obiettivo è aggiornare rapidamente le promozioni in digitale, snellendo il time-to-market per la Sales Force, così come molti altri processi di back office.

La terza fase del progetto di Mobility si focalizza sulla predictive analysis e il data mining: l’obiettivo è operare sui database interni, eventualmente integrati con dati esterni, per offrire alla Sales Force occasioni di vendita supportate da algoritmi scientifici, che indichino quali altri prodotti o promozioni possono essere apprezzati dai clienti. L'azienda conta così di aumentare il valore medio dell’ordine ancor più del 10% registrato finora a seguito dell’introduzione della Mobility in azienda.

In questa videointervista il CEO e Controller di Revello, Matteo Quagini, spiega nei dettagli il percorso verso la "mobile company" Revello.

Articoli Correlati

Alessandro Rancitelli, IT Demand Manager di Bayer

Bayer Healthcare, tutti i progetti di mobility in Italia a supporto delle vendite

L’area che si occupa di Salute comprende le divisioni Consumer Care, Pharma, Animal Health e Diabete, ciascuna con una sua struttura di vendita e declinazione di Mobile Enterprise. «Nel complesso le App per l’intera rete sono profilate secondo due ruoli, informatori o agenti, e fanno capo a un’unica piattaforma CRM di back-end», spiega Alessandro Rancitelli, IT Demand Manager di Bayer Italia

Paolo Pampanini, Direttore del Personale di Amadori

Amadori, i venditori imparano su tablet a “riconquistare” i clienti inattivi

Il progetto di e-learning, spiega il Direttore del Personale Paolo Pampanini in una videointervista, coinvolge 350 funzionari commerciali e si basa su 6 video che spiegano le best practice di analisi di informazioni e di approccio per recuperare i clienti non serviti negli ultimi 6 mesi. «In 6 settimane ne abbiamo riattivati 600»

Mobile App, 9 aziende italiane su 10 le vogliono a supporto dei processi

Cresce l'adozione di soluzioni su Tablet e Smartphone per alzare la produttività e facilitare il lavoro interno. Il 51% ne ha già adottata una, il 40% intende farlo, solo il 9% non è interessato. Le più diffuse sono quelle operative, per le vendite e il lavoro “sul campo”. Bassa l’integrazione delle App tra loro, alta quella con i Sistemi Informativi. Un’analisi dell’Osservatorio Mobile Enterprise del Politecnico di Milano

Anas, cantonieri con il tablet per ispezionare 20mila km di strade

3000 addetti alla manutenzione e sorveglianza saranno dotati di iPad per inviare foto, video e richieste d'intervento alla sala operativa in tempo reale, spiega Pierluigi De Marinis, Direttore Centrale Sistemi Informativi e Impianti di Anas. «Lo sviluppo di Mobile App è fino a 5 volte più economico delle classiche applicazioni software»